Il Poppy nasce dalla passione per il design materico e dalla conoscenza di diversi materiali e della loro applicazione.
SCOPRI

  /  News   /  CAPATECT ACCENTO-SPACHTEL: L’ACCENTO SUL CAPPOTTO DI DESIGN

CAPATECT ACCENTO-SPACHTEL: L’ACCENTO SUL CAPPOTTO DI DESIGN

Capatect Accento è una soluzione di finitura che, applicata sui rivestimenti a spessore specifici per il cappotto termico, permette di creare superfici moderne.

In questo articolo Lorenzo Tedeschi – Business Development Manager & Innovation Ambassador di DAW Italia, ci spiega quanto siano importanti queste tecnologie per evidenziare il design architettonico degli edifici esistenti in chiave contemporanea, pur garantendo le prestazioni e l’affidabilità del cappotto. Quando vediamo un edificio moderno con superfici, che rispecchiano la luce del cielo sopra la città di Milano l’emozione ci pervade. Quando capiamo che si tratta della sofisticata tecnologia dell’isolamento a cappotto si aggiunge la sorpresa. Per noi che siamo nati in mezzo a questa tecnologia e che siamo cresciuti con lei, c’è la consapevolezza dell’incredibile cammino percorso e che è un percorso di liberazione. Il cappotto termico nasce infatti come soluzione ideale per isolare edifici il cui involucro è realizzato con materiali integrati come il calcestruzzo e il laterizio o per proteggere le strutture in legno da sbalzi termici e umidità. Il cappotto è nato, perlomeno a livello industriale, in Germania negli anni 50 ed è approdato in Italia agli inizi degli anni settanta grazie ad alcuni pionieri visionari. All’inizio e per molti anni è stato necessario difendere questa tecnologia dall’improvvisazione e anche dalla diffidenza di un mondo, quello dell’edilizia, particolarmente tradizionalista. Oggi cos’è un sistema a cappotto e come deve essere realizzato è una norma anche nel nostro paese. Caparol mette a disposizione dei progettisti l’esperienza e le soluzioni tecnologiche più performanti frutto di anni di lavoro e di ricerca. I componenti, i materiali di cui si compone il kit del cappotto sono sottoposti a stress importanti, che hanno imposto limiti nelle tipologie di finitura e di colorazione, che oggi si possono superare grazie a nuove formulazioni.

Liberazione dunque dai muri freddi e dai ponti termici, ma liberazione anche nella creatività e questo è il risultato di anni di lavoro, di ricerca e, soprattutto, di milioni e milioni di metri quadrati di cappotto applicati.

Oggi formulazioni di nuova generazione e tecnologie innovative permettono di superare i limiti del passato e di garantire ai professionisti la libertà di progettare superfici che rendano gli edifici unici e suggestivi. Grazie ai prodotti di nuova generazione è possibile scegliere che aspetto dare alle facciate isolate con il cappotto.
Un esempio concreto è quello del condominio sito in via Solferino a Milano, riqualificato con 2.200 mq di sistema a cappotto con ciclo applicativo Caparol ETICS e finitura Capatect Accento Liquid Line. In questo edificio, nel tradizionale quartiere di Brera, a due passi dalla storica sede del Corriere della Sera, troviamo proprio quell’Accento, che ne contraddistingue lo stile. Il fatto che questo edificio si trovi nei pressi del quotidiano storico milanese, sembra un segno del destino, fatto apposta per gratificare chi crede da sempre nella tecnologia del cappotto. Questo edificio infatti è testimone di un’epoca, la nostra e ha qualcosa in più. Anzi ha un Accento. Si chiama infatti Capatect Accento la tecnologia che, applicata sui rivestimenti a spessore specifici per il cappotto, permette di creare superfici moderne, che riflettono i nostri tempi. In particolare, nell’edificio di via Solferino l’effetto è di tipo Liquid, per riflettere le luci della città. L’effetto finale ricrea superfici pulite che evidenziano il design architettonico di questo edificio di pregio, valorizzando le forme e garantendo le prestazioni e l’affidabilità del cappotto. Articolo Realizzato dal Dr. Lorenzo Tedeschi – Business Development Manager & Innovation Ambassador di DAW Italia.

AmphiKlima si traduce quindi per gli applicatori nella possiblità di intervenire sulle superfici esterne degli edifici anche in situazioni critiche in passato non consentite, permettendo di lavorare con maggiore sicurezza e frequenza, arrivando in tal modo ad incrementare le giornate lavorative utili.